Versione accessibile
Sabato, 25 Marzo 2017    
 

Home > Procedimenti Attività Economiche

 


Il Comune
Servizi comunali
Webcam S. Giulia


Procedimenti Attivita' Economiche

COMMERCIO - ESERCIZI DI VICINATO

Commercio ed Attività Economiche

Che cosa sono

Gli esercizi di vicinato sono i negozi con superficie di vendita inferiore a 250 mq.

Chi può esercitare l'attività

Tutti i cittadini (se extracomunitari, con permesso di soggiorno valido), in nome proprio o come legali rappresentanti di società.

Come si accede

E' possibile aprire un nuovo esercizio di vicinato, subentrarvi, trasferirne e/o ampliarne la superficie di vendita, variarne i settori merceologici a parità  di superficie, previa semplice comunicazione al Comune (D.I.A. - denuncia inizio attività ).

I negozi con estensione superiore sono definiti “Medie Strutture di Vendita” (MSV) e la loro apertura è soggetta a preventiva autorizzazione comunale.

Nella zona del centro storico sono “Medie Strutture di Vendita” i negozi con estensione superiore a 100 mq.

La materia è attualmente disciplinata dai seguenti atti:

  • Legge Regionale 2.1.2007 n. 1 “Testo Unico in materia di Commercio”;
  • Deliberazione del Consiglio Regionale n. 18 del 8.5.2007  “Approvazione degli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica del commercio al dettaglio in sede fissa, in attuazione del Testo Unico in materia di commercio – Legge regionale 2 gennaio 2007 n. 1”  (piano regionale del commercio).

Per agevolare la consultazione dei testi normativi, vengono resi disponibili a fondo pagina sia i documenti integrali, sia una loro versione ristretta agli aspetti che riguardano più direttamente agli esercizi di vicinato.

Gli esercizi di vicinato del settore alimentare, in aggiunta alla dichiarazione di inizio di attività commerciale, debbono proporre una autonoma e separata dichiarazione per gli aspetti di tutela igienico-sanitaria.

La dichiarazione va proposta ugualmente al Comune, che provvede ad inoltrarla al servizio competente della ASL 4 – CHIAVARESE (utilizzando i moduli pubblicati nella pagina di questa sezione del sito dedicata all’argomento
"ALIMENTI (PRODUZIONE - VENDITA - SOMMINISTRAZIONE)").

I referenti

Gli operatori dell' Ufficio Commercio ed Attività Economiche

Norme di riferimento

-
Legge Regionale 2.1.2007 n. 1 "Testo Unico in materia di Commercio" (INTEGRALE)
- Deliberazione del Consiglio Regionale n.18 del 8.5.2007  “Approvazione degli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica del commercio al dettaglio in sede fissa, in attuazione del Testo Unico in materia di commercio – Legge regionale 2 gennaio 2007 n.1”  (piano regionale del commercio - INTEGRALE)
- Legge Regionale 2.1.2007 n. 1 “Testo Unico in materia di Commercio" (SELEZIONE)
- Deliberazione del Consiglio Regionale n.18 del 8.5.2007  “Approvazione degli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica del commercio al dettaglio in sede fissa, in attuazione del Testo Unico in materia di commercio – Legge regionale 2 gennaio 2007 n.1”  (Piano regionale del commercio - SELEZIONE)



 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente



Cerca nel sito
    
Eventi della vita
Abitare
 
Avere un figlio
 
Avere una famiglia
 
Bandi, Gare e Appalti
 
Essere cittadino
 
Fare sport
 
Lavorare
 
Studiare
 
Usare un mezzo di trasporto
 
Vivere il tempo libero e la cultura
 
Vivere l'ambiente
 

Dimmi chi sei

Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni